slide_1.jpg

Depilazione

Una gran parte del corpo sia maschile che femminile è ricoperto da peli: può trattarsi anche solo di una sottile peluria che in alcuni casi, quando dà luogo alla formazione di veri e propri accumuli, diventa causa di inestetismi.

Possiamo distinguere due modalità di rimozione del pelo:

 

la depilazione, in cui il pelo viene eliminato a partire dal punto di emersione dal livello della pelle e pertanto, con questa modalità, il bulbo pilifero rimane intatto e la sua matrice continuerà a far crescere il pelo ( ad esempio nella rimozione con lamette).

 

L'epilazione, la quale elimina invece il pelo con tutto il bulbo secondo diverse modalità:

- ceretta a caldo

- ceretta a freddo

- elettrodepilazone

- Iaser

 

In quali casi sono consigliate la ceretta a caldo o a freddo?

La tecnica di epilazione tramite la ceretta a caldo prevede l'applicazione direttamente sulla pelle (seguendo il senso di crescita del pelo) di cera d'api mantenuta ad una temperatura calda in modo costante da appositi macchinari: successivamente vengono applicate delle strisce nella zona trattata che imprigionano il pelo nella cera e che, una volta tirate con decisione verso il senso opposto alla crescita del pelo, lo estirpano velocemente.

Le ceretta a freddo consiste invece in strisce già pronte, in cui è stata già applicata Ia cera e quindi risulta "fredda", che vanno sfregate tra le mani per riscaldarle e successivamente applicate nella zona da trattare. Con uno gesto deciso si procede a tirare la striscia dalla pelle sempre nel senso opposto alla ricrescita del pelo.

La differenza tra le due modalità di epilazione consiste nella durata del risultato: con la ceretta a caldo possono passare 25 - 30 giorni mentre con ceretta a freddo l0 - l5 giorni.

 

In quali casi non è consigliata la ceretta?

Per chi soffre di vene varicose e conseguente fragilità capillare non è consigliato procedere con la ceretta in quanto l'azione di strappo potrebbe causare travasi sanguigni.

 

Perché sono necessarie diverse sedute per ottenere dei buoni risultati con l'epilazione?

Se si decide di intervenire con l'epilazione bisogna tenere conto che il pelo affronta un ciclo di crescita (anagen), di maturazione (catagen) e riposo con conseguente caduta (telone). Nel suo ciclo vitale il pelo si forma a partire da una matrice che favorisce lo sviluppo del nuovo pelo che, crescendo nel canale follicolare, allontana quello vecchio, provocandone la caduta. Queste tre fasi non avvengono in modo sincronizzato per tulta la peluria, ma ogni pelo affronta in tempi diversi il suo ciclo vitale: per questo motivo non è possìbile ottenere risultati immediati ma occorre intervenire con diverse sedute che riescano a indebolire il pelo e a ottenere una epilazione efficace di tutta la zona trattata.

Leggi anche:

  • French manicure

    Si tratta di una tecnica originaria degli Stati Uniti, che consiste nell'applicare dello smalto bianco lungo il bordo superiore dell’unghia, per poi ricoprirla, in un secondo momento, con dello smalto dai toni naturali.

  • Fangoterapia

    La fangoterapia è un tattamento che utilizza come materia prima il fango lasciato in infusione a maturare per poter essere utilizzato nelle applicazioni ai pazienti.

  • Elettrocoagulazione

    L’elettrocoagulazione è procedimento che aiuta nell’eliminazione dei peli superflui. Il trattamento prevede l’uso di un sottile ago che viene introdotto nel canale pilifero

I nostri prodotti